Archivio

Posts Tagged ‘Fotovoltaico’

Pericolo di “bolla” del FV?

14 settembre 2010 Nessun commento

Foto| Kim Walker

Bisogna vivere come si pensa, altrimenti si finirà per pensare a come si è vissuto, Paul Bourget

Dal forum di Nuove Tecnologie Energetiche, riporto

Domanda di Mirco

Di ritorno in treno da ZeroEmissionRomemi è capitato di viaggiare con un signore semi-negazionista che fa il “Project & Energy Market”.

Pur convinto che io (e chi la pensa come me) sia un catastrofista, in quanto di combustibili fossili ce n’è ancora una enorme quantità (che viene tenuta nascosta), che militari ed imprese lasciano passare all’esterno solo informazioni finalizzate ai loro (spesso imperscrutabili) obiettivi, che si tengono nascoste tecnologie già fortemente innovative e rivoluzionarie e che fonti e scoperte vengono messe sul mercato solo quando le precedenti non rendono più a sufficienza, mi ha comunque pregato di avvertirlo perché desidererebbe ascoltare una mia conferenza.
Prosegui la lettura…

Categorie:base Tag: ,

1 film 1 post 1 articolo e 2 reports


Borgo dell’argento

Il film è Home di Yann Arthus-Bertrand visibile integralmente qui.

L’ottimo post Chi dice che il riscaldamento climatico non esiste di Gianni Comoretto

L’importante articolo è Economic Impacts from the Promotion of Renewable Energy Technologies The German Experience di Manuel Frondel, Nolan Ritter, Christoph M. Schmidt e Colin Vance: (sovvenzionare a 40 centesimi di euro al chilowattora non risolve il mercato del fotovoltaico).

e 2 rapporti

Worldwatch: Renewable Revolution: Low-Carbon Energy by 2030 di Janet L. Sawin and William R. Moomaw

Comuni rinnovabili 2010, di Legambiente (pdf 89 pag)

Record di efficienza solare 02 – Mitsubishi al 18%

Mitsubishi_PV

La Mitsubishi Electric ha annunciato di aver raggiunto il 18% di efficienza di conversione elettrica con i pannelli al silicio multi-cristallino. Il risultato è stato ottenuto aggiungendo una struttura riflettente sulla superficie dei pannelli, stampando gli elettrodi direttamente sulla superficie dei pannelli e con il cosiddetto metodo di incisione reattiva degli ioni (Reacting Ion Etching).

I pannelli sono il risultato della ricerca decennale di Mitsubishi finanziata dal NEDO (l’organismo interministeriale giapponese per lo sviluppo di tecnologie alternative al petrolio) nell’ambito del progetto sul fotovoltaico di prossima generazione.

Per approfondimenti vedi Programma Energia ed Ambiente (pagg 50).
Mitsubishi presenterà la tecnologia alla 17a International Photovoltaic Science and Engineering Conference a Fukuoka a Dicembre, la produzione inizierà a inizio 2008.
da GreenCarCongress

Elio resiste

sunacua

Il mezzo può essere paragonato a un seme, il fine a un albero; e tra mezzo e fine vi è esattamente lo stesso inviolabile nesso che c’é tra seme e albero, Mahatma Gandhi

Avevamo già parlato dell’esperienza concreta di chi vuole istallare dei pannelli fotovoltaici e, accettando di pagare 7000 €/kW, deve trovarsi a combattere con lentezze e complessità burocratico-legislative.

Lo ammetto, sono motivato dalla lettura del blog di Ugo Bardi, che prima si chiedeva Arrivano questi Moduli? %/&@!!! e poi una volta che Sono arrivati i moduli! &(%/^!!!!
restava sconcertato dalla complessità della procedura di richiesta dell’AEEG.

Prosegui la lettura…

L’incentivazione del Fotovoltaico vista dal basso

solar_harnessed

Foto da Fotocommunity

Poiché i recenti provvedimenti per l’efficienza energetica e l’incentivazione delle energie rinnovabili (vedi post) sono fatte bene e i documenti attuativi sono estremamente chiari, voglio sperare che le lettere seguenti inviate a La Repubblica siano “frizioni” del Gestore Nazionale, cui il legislatore porrà rimedio al più presto.

Prosegui la lettura…

Sphelar e Mars – Sviluppi Creativi da Sole e Vento

KyosemiSolar

La notizia non è nuovissima, ma vale la pena di segnalarla: la Kyosemi, una azienda di Kyoto, ha sviluppato delle celle solari con GOCCE di SILICIO su vetro. Tale configurazione permette alle celle di generare efficacemente elettricità da qualsiasi angolazione solare, evitando così la necessità di costose meccaniche per la rotazione. Le gocce possono essere applicate ai vetri convenzionali, mentre lo spazio tra loro permette il passaggio della luce solare.

Prosegui la lettura…