Archivio

Posts Tagged ‘Critical mass’

L’abbraccio di Eva (cronaca di una cm napoletana)

11 novembre 2009 Nessun commento

Nei loro giochi i bambini fanno tutti quei movimenti necessari per convincerci che le loro immaginazioni sono delle realtà. Joseph Joubert

Dalla lista Critical mass Roma, Federico:

Sono le 7e30 quando parto da casa per raggiungere la stazione Termini.
La nebbia smussa i contorni di una città ancora mezza addormentata, poche macchine per la strada…. per fortuna.
Il freddo pungente mi aiuta a riordinare i pensieri, mentre il ricordo torna alla serata precedente, alla fiaccolata in ricordo di Eva.

Fino all’ultimo sono stato tentato di rinunciare alla “trasferta”, sconfortato dall’immensità di questa tragedia…. ma alla fine mi faccio contagiare dall’entusiasmo con cui Chicca e Gianluca hanno organizzato tutto.
Prosegui la lettura…

Categorie:base Tag: , , ,

Critical mass Roma 30 maggio 2009

Il riso è il profumo della vita in un popolo civile. Aldo Palazzeschi

Il video Critical mass Roma 30 maggio 2009

Un articolo e l’intervista a Marc Augé: riscoprire spazio e tempo!

Categorie:bici Tag: ,

Ieri accadde..fine Ciemmona 08

La conclusione della Ciemmona08, è in un comunicato,

con il quale concordo quasi interamente.

comunicato Critical Mass Roma – 2 giugno 2008

Lunedì 2 giugno le forze dell’ordine hanno perpetrato l’ennesimo atto intimidatorio ed assolutamente ingiustificato nei confronti di tutti i partecipanti della massa critica di ritorno da Ostia. Dopo tre giorni di festa, che hanno visto in totale circa 5000 biciclette invadere pacificamente Roma con suoni e colori senza il benché minimo episodio di turbativa all’ “ordine pubblico”, tutti i ciclisti di ritorno a Roma sono stati fermati ingiustificatamente dalle forze dell’ordine in luoghi e modi diversi. Quasi duecento persone, in un arco temporale che va dalle dieci alle dodici di mattina, sono state tenute sotto sequestro dalle forze dell’ordine senza alcuna motivazione plausibile tra l’Eur e P.le Ostiense.
Ci sembra ridicolo che, in una giornata in cui le forze armate mostrano i muscoli paralizzando buona parte della città con grande spiegamento di uomini e mezzi, venga criminalizzato chi rivendica quotidianamente attraverso l’uso della bicicletta un mondo libero da inquinamento, auto, petrolio e dalle guerre che da esso dipendono.

Lunedì 2 giugno le forze dell’ordine hanno perpetrato l’ennesimo atto intimidatorio ed assolutamente ingiustificato nei confronti di tutti/e i/le partecipanti della Critica Massa di ritorno da Ostia. Dopo tre giorni di festa, che hanno visto in totale circa 5000 biciclette invadere pacificamente Roma con suoni e colori senza il benché minimo episodio di turbativa all’ “ordine pubblico”, i/le ciclisti/e che avevano deciso di trascorrere l’ultima notte in riva al mare si sono visti/e svegliare da tre pattuglie ed un elicottero della polizia,che li/le hanno seguiti/e, e ripresi/e, fino alla più vicina stazione ferroviaria.

In un clima reso già abbastanza teso dalla presenza di svariati poliziotti all’interno della stazione, i/le vari/e ciclisti/e sono stati invitati a salire con calma sui treni, ignari del fatto che a fine corsa, alla stazione di Porta S.Paolo, erano già schierati decine di poliziotti in assetto antisommossa che impedivano a QUALSIASI ciclista si trovasse all’interno della stazione di varcare la soglia.

I primi che, come loro diritto, hanno chiesto di lasciare l’area della stazione sono stati ricacciati dentro con la forza, i documenti requisiti per un tempo indefinito (saranno poi restituiti una mezz’ora dopo) ed invitati ad indossare le felpe con la scritta Critical mass al contrario, comportamento questo ulteriormente vessatorio e gratuito verso liberi cittadini ai quali non era imputabile alcun reato.
Un gruppo di circa 50 ciclisti che aveva deciso di tornare a Roma in sella alla propria bici è stato bloccato da due pattuglie dei carabinieri all’altezza dell’Eur ed identificato. Anche qui, nessun reato contestato, nessun atteggiamento provocatorio da parte dei ciclisti, che al contrario hanno dovuto attendere più di mezz’ora a lato della strada, sotto la pioggia battente, di fronte ad impassibili poliziotti in impermeabile, senza alcuna motivazione plausibile.
Quasi duecento persone, in un arco temporale che va dalle dieci alle dodici di mattina, sono state tenute sotto sequestro dalle forze dell’ordine; tra Ostia e P.le Ostiense qualsiasi ciclista o gruppo di ciclisti poteva essere fermato, anche se estraneo a Critical Mass, in una situazione di stato di polizia in cui chiunque fosse in sella ad una bici andava temporaneamente fermato perché considerato potenzialmente pericoloso per la sicurezza del corteo delle forze armate che si stava svolgendo poco distante.
Come più volte sottolineato agli ispettori della Digos presenti, nessuno dei ciclisti aveva intenzione di fare rotta sul corteo dei fori imperiali, nonostante la nostra innata avversione al militarismo.
Il comportamento delle forze dell’ordine, che hanno ricompattato forzatamente i piccoli gruppi di ciclisti che stavano tornando a casa, appare quindi particolarmente insensato.
Ci sembra ridicolo che, in una giornata in cui le forze armate mostrano i muscoli paralizzando buona parte della città con grande spiegamento di uomini e mezzi, venga criminalizzato chi rivendica quotidianamente attraverso l’uso della bicicletta un mondo libero da inquinamento, auto, petrolio e dalle guerre che da esso dipendono.

alcuni ciclisti critici

Foto CIEMMONA 08 !!

Mammifero bipede’s slideshow venerdi , sabato e domenica.

Slideshow di Resistor;

Slideshow di Anakin Skywalker;

Altra raccolta foto sabato San Giovanni.

L’album di Machin.Pissocu;
Foto e testi dal sito di Chris Carlsson.

Critical Mass a Gaza

22 aprile 2008 Nessun commento

Bici a Nazareth

Foto: Thameen.

Gaza, 21 aprile 2008

Riportiamo da Cric: Critical mass a Gaza

Come ricordavo precedentemente molte più biciclette si vedono in giro per Gaza. La mancanza di benzina e gasolio ormai è evidente nelle strade della Striscia. Sono veramente poche le macchine che ancora circolano. E quelle viaggiano con le bombole di gas oppure a …..olio ! Sì , proprio olio, quelle diesel stanno usando anche l’olio. Fumi neri e odore di falafel , come mi diceva oggi un autista, si spargono nell’aria. E poi oltre le biciclette ci sono i carretti tirati da asini, cavalli, muli. Ma anche loro mangiano e prima o poi non ci sarà più neanche il mangiare per i muli.

La chiusura dei confini continua , oggi anche agli internazionali, all’improvviso, è stato vietato il transito. Il motivo? “Security reasons” hanno detto i militari di Erez. Ma torniamo alle biciclette. La mancanza dei trasporti ha fatto sì che anche le scuole , le università abbiano sospeso molte lezioni.

E stamattina centinaia di giovani in bicicletta, ognuno con una bandiera palestinese, hanno partecipato alla manifestazione davanti al Parlamento palestinese per protestare contro l’assedio. Un assedio devastante per la vita quotidiana di un milione e mezzo di persone che non accenna a finire, e non finirà se la comunità internazionale non farà sentire la sua voce.

Vedi anche serie di foto sulla CM a Tel Aviv.

Aggiornamento

Ideeatrazioneumana

Il volume (16 pagine) Critical mass: Idee a Trazione Umana.

Categorie:bici Tag: , ,

Come mettere le bici nei cortili

22 febbraio 2008 1 commento

buranoinbici

Foto da Fotocommunity

Ho trovato un’idea che giustifica il mezzo…

FALSA Delibera a favore dell’uso della bicicletta

Qualche tempo fa nel mio palazzo, mi rompevano perché mettevo la bici dove non avrei dovuto, cercando in rete ho trovato una delibera in merito all’utilizzo dei cortili condominiali per il deposito di biciclette. Qui il link dal sito del comune

Bella, peccato però che sia Torino e non Roma.

Ho scoperto che anche a Milano c’è una regolamentazione simile e chissà in quante altre città.

Alla Critical Mass, quando ho visto che ci facevamo da noi le piste ciclabili, ho avuto un’illuminazione. Ho adattato la delibera di Torino, l’ho stampata con il logo del comune di Roma e l’ho appesa nel portone.

E’ stata su una settimana poi qualcuno l’ha strappata via, ma nessuno si lamenta più delle bici. Bisogna dire che è una cosa sicuramente illegale, è una beffa ai danni di poveri onesti e ignari cittadini ai quali le nostre bici in cortile, va a capire perché, gli rompono proprio i coglioni.

luther blissett

da Critical Mass Roma

Categorie:bici Tag: , ,

Le buone notizie del 26 luglio

26 luglio 2007 Nessun commento

Grande Sentiero Anulare su E-Polis, CM e Romaciclabile

26 ottobre 2006 Nessun commento

Ricordo che domani c’è Critical Mass…. ma inoltre
Oggi il giornale (ancora) gratuito E-Polis pubblica un articolo sul Grande Sentiero Anulare, il percorso alternativo alle auto per circumpedalare la città, attraversando le aree verdi interessate (più o meno selvatiche..). E’ un bell’elogio.
EpolisGSA


Segnalo anche il nuovo sito ufficiale del Coordinamento Roma Ciclabile che ci da un calendario incoraggiante:

– sabato 28 ottobre ci sarà l’inaugurazione della pista ciclabile della Musica: Ponte Milvio/Auditorium/ Villa Glori/ Moschea/ Villa Ada, 5,5 km circa.

– entro luglio 2007 verrà realizzata la dorsale Tevere/Eur che consentirà di collegare (Roma Ovest),

– nei Prossimi 4 anni faremo la Rete Ciclabile di Roma, collegando i quartieri in Tutti i Municipi e fra 2/3 anni si potrà raggiungere il mare, lungo il Tevere.