Archivio

Archivio per aprile 2008

Idro-Fatti

24 aprile 2008 1 commento

Grazie Greg Blencoe…

Fatto #1 – Le auto a idrogeno sono pronte per la commercializzazione, ma l’infrastruttura per distribuire l’idrogeno come combustibile deve essere costruita;

Fatto #2 – Il disastro del dirigibile Hindenburg non è stato causato dall’idrogeno;

Fatto #3 – Le auto a idrogeno sono sicure ;

Fatto #4 – Le emissioni del vapore acqueo dagli automobili dell’idrogeno non causeranno riscaldamento globale ;

Fatto #5 – Le auto a idrogeno e celle a combustibile saranno economiche quando prodotte in serie;

Fatto #6 – Le celle a combustibile a idrogeno sono due volte più efficienti dei motori a combustione interna ;

Fatto #7 – Il costo di produrre idrogeno oggi da energia eolica (senza alcuna sovvenzione) è minore dell’equivalente benzina a $3 per il gallone (1 euro = 1,6 dollari e 1 gallone = 3,8 litri);

Fatto #8 – L’intera infrastruttura dell’idrogeno potrebbe essere sviluppata senza sovvenzioni;

Fatto #9 – I fautori dell’auto a batterie (plug-in ibride) provano ad usare argomenti distorti contro idrogeno per distrarre l’attenzione dai numerosi problemi della tecnologia delle auto ricaricabili;

Fatto #10 – La grande storia tenuta nascosta è che la Toyota ha sviluppato un SUV alimentato da una cella a combustibile a idrogeno che fa 80 miglia per chilogrammo di idrogeno ed ha un’autonomia di 480 miglia;

Fatto #11 – Gli idrogenodotti renderanno possibile l’idrogeno da fonti pulite di energia;

Fatto #12 – Molti consumatori smetteranno di comprare automobili alimentate a benzina dato che i prezzi di combustibile continuano ad aumentare, in questo modo le aziende automobilistiche saranno presto motivate a vendere automobili a idrogeno.

Critical Mass a Gaza

22 aprile 2008 Nessun commento

Bici a Nazareth

Foto: Thameen.

Gaza, 21 aprile 2008

Riportiamo da Cric: Critical mass a Gaza

Come ricordavo precedentemente molte più biciclette si vedono in giro per Gaza. La mancanza di benzina e gasolio ormai è evidente nelle strade della Striscia. Sono veramente poche le macchine che ancora circolano. E quelle viaggiano con le bombole di gas oppure a …..olio ! Sì , proprio olio, quelle diesel stanno usando anche l’olio. Fumi neri e odore di falafel , come mi diceva oggi un autista, si spargono nell’aria. E poi oltre le biciclette ci sono i carretti tirati da asini, cavalli, muli. Ma anche loro mangiano e prima o poi non ci sarà più neanche il mangiare per i muli.

La chiusura dei confini continua , oggi anche agli internazionali, all’improvviso, è stato vietato il transito. Il motivo? “Security reasons” hanno detto i militari di Erez. Ma torniamo alle biciclette. La mancanza dei trasporti ha fatto sì che anche le scuole , le università abbiano sospeso molte lezioni.

E stamattina centinaia di giovani in bicicletta, ognuno con una bandiera palestinese, hanno partecipato alla manifestazione davanti al Parlamento palestinese per protestare contro l’assedio. Un assedio devastante per la vita quotidiana di un milione e mezzo di persone che non accenna a finire, e non finirà se la comunità internazionale non farà sentire la sua voce.

Vedi anche serie di foto sulla CM a Tel Aviv.

Aggiornamento

Ideeatrazioneumana

Il volume (16 pagine) Critical mass: Idee a Trazione Umana.

Categorie:bici Tag: , ,

Il picco del K

21 aprile 2008 Nessun commento

Svegliati! Fiore della foresta, cielo che cammina, uccello di pianura, creatura dagli occhi di cerbiatto, quando mi guardi io sono felice, come un fiore che beve rugiada. Canto Algokin

A volte la divisione può essere un’operazione creatrice di splendide tendenze, specie di lungo periodo: 18 anni. Ho provato a mettere in relazione l’andazzo del Dow Jones dei noti motori di ricerca (con lo Standard & Poors è uguale) con il prezzo dell’oro (dalla DB), guardate un pò che bel “ritorno alle origini”….

DowJonesvsOro&Brent

Ovviamente è un mero esercizio iper-semplificato: i dati di origine di Oro ($/oz), Dow Jones e petrolio Brent ($/bbl) sono prima rapportati e poi indicizzati (base gennaio 1990 = 100).

Il fatto che il loro rapporto dopo essere passato a 7,7 a dicembre 1998 (Dow vs. Brent) e 6,7 ad agosto 1999 (Dow vs. oro) è oggi a 0,9 e 2, rispettivamente, è un’indicazione abbastanza chiara della rivincita dell’economia “pre-finanziaria”.

Ce n’è abbastanza per mettersi ad elaborare un piano serio di rilancio delle ferrovie nel paese e dei tram nelle città?

Cicli vitali 09 – Il blue jeans

15 aprile 2008 Nessun commento

BlueJeans

Riprendiamo la storia dei cicli vitali

La storia del blue jeans inizia in Baviera, culla dell’industria tessile e patria di Levi-Strauss, il quale partirà per gli Stati Uniti nel 1847. Nel 1870 il negozio di vestiti che ha aperto a San Francisco è già florido, la corsa all’oro ha creato una forte richiesta di vestiti da lavoro solidi. Un giorno Strauss pensò di utilizzare un tessuto da tappezzeria di tipo “denim”, un sergé di cotone, denominato il sergé di Nimes. Anche se la primogenitura in fatto di fabbricazione dei blue-jeans viene ricondotta, storicamente a Genova (vedi Wiki). Levi tinge il denim di blu e inizia a vendere i suoi primi jeans Levi’s a 1,46 dollari il paio.

Prosegui la lettura…

L’ambiente nei partiti – Elezioni 2008

10 aprile 2008 Nessun commento

Ho messo una sintetica sintesi delle proposte per ambiente, infrastrutture, trasporti ed energia delle liste votabili domenica e lunedì prossimo su Ecoblog.

Prosegui la lettura…

News 9 Aprile 2008

Ecco una serie di notizie tecnologiche da Green Car Congress

Mani sospese nell’aria come uccelli. Sono calmo come acque tranquille per rispecchiarvi

Fallisce il piano per l’Ecopass a New York; Aggiornamento: Ecco alcuni perché.
Lo stoccaggio dell’idrogeno in strutture di metalli organici (MOF) dell’Università del Maryland;

La mappa oraria della CO2 Vulcan è 100 volte più dettagliata;

Come volevasi dimostrare: l’eco-sostenibilità degli ibridi “Plug-in” dipende da com’è prodotta l’elettricità (studio della Carnegie Mellon University);

Si è parlato (vedi ad esempio, qui, qui e qui) della falsa disputa tra veicoli ibridi “plug in” e le auto a celle a combustibile, lo studio citato apporta un contributo in favore di una decarbonizzazione dell’elettricità per realizzare i trasporti eco sostenibili.

General Motors “invoca” più stazioni di idrogeno per rifornire 1000 veicoli a fuel cell per il 2014, (in California ci sono attualmente 25 stazioni e GM sta facendo lobbying per 40 nell’area di Los Angeles);

La rincorsa dal gigante americano ad Honda, Toyota e Mercedes e cominciata…

L’aereo a fuel cell ibrido della Boeing da 20 kW;

La prima mondiale del volo dell’aereo monoposto propulso da un sistema motore-fuel cell e batteria

Bruce Logan della Penn State raddoppia la produzione di idrogeno nel reattore biologico, vedi anche Ecco da dove verrà l’idrogeno;

Continuano i progressi del metodo di produzione di H2 biologico che promette una splendida sinergia tra elettricità rinnovabile e aceto…

Hitachi e Maxwell aumentano l’efficienza (4x) delle fuel cell con particelle d’oro da 2-3 nanometri nel catalizzatore.

Per la prima volta si è riuscito a “rompere” l’oro in particelle tali da aumentare la superficie attiva in modo da ridurre il contenuto di platino per la catalisi.

considerazione: Se celle più piccole e meno platino compensano l’oro aggiunto è un passo avanti importante.

Dulcis in fundo: la necessità delle celle a combustibile per combattere i gas serra di Sandy Thomas (ex Directeds Technologies ed attuale AD di H2Gen) report (20 pagg): Comparison of Transportation Options in a Carbon-Constrained World: Hydrogen, Plug-in Hybrids and Biofuels

Un super esperto dell’idrogeno spiega come e perchè la filiera dell’idrogeno batte gli ibridi con motore a scoppio e biocarburanti.

Categorie:idrogeno Tag: ,

news 2 aprile 08

keine

Ras la fraise! Basta fragole!
La campagna per un consumo critico in Svizzera.

Heinberg on ‘resilient communities: paths for powering down’, da Energy Bulletin
Uno speech di Richard Heinberg su come abbassare i consumi energetici al livello locale.

EU’s Piebalgs says grid infrastructure needed quickly for offshore wind energy, da Forbes
Il commissario Piebalgs, richiede lo sviluppo urgente di un’infrastruttura elettrica marina per incorporare l’eolico off-shore nella produzione di elettricità.

Danish Drivers To Fill Their Tanks With Wind Power, da Metaefficient
Cosa fare con l’eolico imprevisto? Il pieno dell’auto elettrica, baby.

Oil’s Fuzzy Math: Prices Skyrocket Despite Modest Growth in Demand, da Worldwatch
La dinamica del petrolio spiegata con l’offerta (carente).

Le borse di plastica compiono 75 anni, da Blogeko

Obama’s New “Big Oil” Ad: Does He Have It Right or Wrong? da The oil Drum
La campagna di Obama contro le majors del petrolio.

Cogeneration At Home: Ceramic Fuel Cells And Bloom Energy, da The oil Drum
Le potenzialita delle cella a combustibile ad ossidi solidi

Categorie:base Tag: