Archivio

Archivio per gennaio 2008

Auto(im)mobilisti : l’econometria vi studia

31 gennaio 2008 Nessun commento

cars of Havana. Foto: Uwe Steiger

Foto: Fotocommunity

Sarà perché l’industria nazionale non c’è più ed i marchi storici se li comprano gli indiani, ma il Ministero dei Trasporti (DfT) del Regno sta mettendo i migliori cervelli del pianeta (in tema di scelte di consumo), come Kenneth Train, per trovare il modo di ridurre le emissioni nei trasporti. Ed escono dei report gratuiti sulle politiche per i trasporti che faranno scuola.

Dall’Eddington Transport Study al King Review of Low Carbon Cars (vedi articolo e commento) il DfT sta veramente mettendo in campo tutta la scienza necessaria per risolvere uno dei più gravi problemi del nostro tempo: la mobilità sostenibile. Risultato: il 24 gennaio 2008 sono usciti ben due studi che cercano di rispondere alla domanda quali sono le politiche più appropriate per ridurre la CO2 nei trasporti?

Prosegui la lettura…

L’OdR su Ecoblog

30 gennaio 2008 Nessun commento

Oronte

Foto: Wiki

Come avrete notato sono diminuiti gli articoli. Non è mancanza di motivazione o di motivi e che la incanalo su Ecoblog.

Per questo nella pagina a destra Articoli Ecoblog trovate quello che faccio lì. Enjoy.

G

Categorie:base Tag:

Garbage game – L’immondizia non è un gioco

27 gennaio 2008 4 commenti

garbage_game

La Gotham Gazette, organo della città di New York, ha realizzato uno strumento per educare i suoi cittadini alla diminuzione dei rifiuti, a capirli ed a cambiare le abitudini consolidate. The Garbage Game è in inglese ed è stato – ovviamente – studiato per la Grande Mela, ma sarebbe utilissimo tradurlo ed adattarlo alle principali città italiane.

Entra splendidamente nel dettaglio dei comportamenti quotidiani individuali: cosa getti, dove lo getti, dove lo porteresti e che fine fa (inclusa la CO2 prodotta).

E’ un modo semplice ed a basso costo per inculcare la cultura del riciclo e riutilizzo, utilissimo ora e da noi per risolvere lo scempio attuale, che dalla Campania rischia di estendersi presto a tutte le grandi città del Bel Paese.

Categorie:base Tag:

news 27 gennaio 2008

26 gennaio 2008 Nessun commento

Always remember: there’a big differrence between sucking rocks and squeezin’ grass
Anonimo (inspired by Frank Zappa)

Appunti di local warming, da Segnali Verdi;

Fotolisi per produrre idrogeno (senza metalli preziosi), da Green Car Congress;

Piani solari per il sud di Israele, da Treehugger;

Ecosistema Urbano Europa (pdf 8 pag), di Ambiente Italia da Eco dalle città;

I brutti segnali del 2008 per l’economia americana, di Richard Heinberg, da Global public media;

I pirati del diesel, da The Jakarta Post

L’emissions trading si rinnova, di Veronica Caciagli, da QualeEnergia (approfondimento pdf 11 pag);

feniglia

Senza falsa modestia : inizio a scrivere su Ecoblog (come nei film, in ordine di apparizione):

John McNeill al Festival delle Scienze di Roma;

L’efficienza delle auto, km/litro o litri/100km?

La cautela di Toyota sulle Plug-In;

Carectomy e la rimozione delle auto dalle città;

Nanoparticelle da 0,18 micron: i topi si ammalano di smog;

Reazioni delle associazioni al piano energetico europeo;

Il parlamento europeo propone un rinvio sulle emissioni auto;

Categorie:base Tag:

Sistemi di trasporto in conflitto

25 gennaio 2008 Nessun commento

Taxi_VS_bus

Tutto troppo su gomma. Mentre le piste ciclabili…

ciclabile_Colombo

Categorie:base Tag:

Ecopass a Milano, l’opinione di un cittadino

18 gennaio 2008 1 commento

Da la Repubblica di oggi 18 gennaio una lettera da Milano.

Ero scettica sull’Ecopass, ora ho visto che funziona

Vivo a Milano e confesso che ero scettica di fronte all’Ecopass deciso dal sindaco Moratti. Ora però a pochi giorni dalla sua applicazione non c’è dubbio che un risultato di decongestionamento della città l’ha raggiunto eccome. Stamane mentre come ogni giorno, prendendo il tram sono andata in ufficio la diminuzione del traffico si toccava con mano, così come la maggiore velocità dei mezzi pubblici.

Credo che le mie perplessità siano del tutto cancellate e che questa strada, che è poi la strada che ci invita a seguire l’Europa, “chi inquina paga”, sia una strada da percorrere il più velocemente possibile.

Un approfondimento: Lo sgabello a tre gambe

Categorie:base Tag:

Nanoptek e la fotolisi

18 gennaio 2008 Nessun commento

prismandlight

Foto: Wikimedia

La Nanoptek, un’azienda dedita allo sviluppo di sistemi di fotoelettrolisi (produzione di idrogeno direttamente da acque e luce del sole, senza passare per l’elettricità) ha raccolto il 16 scorso 4,7 M$ di fondi per lo sviluppo del suo Generatore di Idrogeno Solare e la realizzazione di istallazioni funzionanti.

La Nanoptek ha brevettato un fotocatalizzatore per la produzione diretta di idrogeno in un processo chiamato fotolisi o dissociazione dell’acqua fotoelettrochimica. Mentre l’elettrolisi convenzionale utilizza due elettrodi in una soluzione ionica, la fotolisi rimpiazza uno degli elettrodi con un semiconduttore fotoattivo, ad es. titanio + catalizzatore, che, sotto l’effetto dei raggi solari dissocia la molecola H2O.

La Nanoptek ha sviluppato la tecnologia negli ultimi 5 anni con fondi della NASA e del DOE statunitense. Il prototipo di prima generazione nel 2004 aveva una superficie di 0.25m2 e produceva 3 litri l’ora di idrogeno. L’efficienza della cattura di luce era il 37% l’efficienza di conversione fotonica del 9.6%.

Approfondimenti: Fueling the H2 Highway.

Da GreenCarCongress e Marketwire.

Categorie:idrogeno Tag:

Notizie del 16 gennaio

17 gennaio 2008 Nessun commento

Piemonte, approvata la graduatoria per il cofinanziamento del bike sharing,
da Helpconsumatori

Perchè aumenta il prezzo del barile? di Ugo Bardi

Il picco del petrolio si avvicina, di GB Zorzoli, da QualEnergia

General Motors CEO: oil has peaked, di Joshua Dowling, da Energy Bulletin

Instructable of the day: build a bike fairing – Il Fai-da-te per costruire un telaio di bicicletta in casa, da AutoBlogGreen

Categorie:base Tag:

La lectio magistralis di John R. McNeill a coScienza 2008

16 gennaio 2008 Nessun commento

Oggi 15 gennaio, nell’ambito del Festival delle Scienze di Roma (vedi programma) si è tenuta la lectio magistralis di John McNeill, professore di Storia mondiale, ambientale ed internazionale alla Georgetown University ed autore di “Qualcosa di nuovo sotto il sole”, edito da Einaudi.

McNeill ritiene che già 8000 anni fa i livelli di anidride carbonica iniziarono lentamente ad aumentare, contrariamente a quanto i modelli climatici basati sul precedente alternarsi di cicli glaciali ed interglaciali lasciassero prevedere, a causa del diffondersi dell’agricoltura e dell’allevamento nel Neolitico. In seguito, la diffusione della coltivazione del riso, circa 5000 anni fa, causò il rilascio di metano (un potente gas ad effetto serra, vedi), prodotto dalla decomposizione delle piante nell’acqua delle risaie, nell’atmosfera.

Prosegui la lettura…

Bush al Re: “Maestà, il petrolio è troppo caro!”

15 gennaio 2008 2 commenti

meraviglioso

Foto da fotocommunity.

Viene da ridere. Per non piangere.

George W “intende porre la questione a Re Abdullah nel loro incontro di questa sera in una tenda nel deserto” (vedi).

Vorrei tanto una web-candid-cam per vedere il falco da caccia del re gracchiare all’ospite venuto dal Texas: “Tu, infedele, bevitore di bourbon, forse dimentichi che sono i tuoi biglietti verdi che valgono sempre meno, mentre il nostro stanco mega-giacimento sta facendo tutto il possibile per far scorrazzare te e i tuoi compatrioti con gli Hummer!”

Aggiornamento

Pare che George abbia poi dichiarato:

Se non hanno petrolio addizionale da immettere sul mercato, è dura chiedere a qualcuno di fare qualcosa che non è in grado di fare.

Categorie:petrolio Tag:

Una ragione per ampliare i parchi

4 gennaio 2008 Nessun commento

Breve brano.

Da La Repubblica di oggi, 4 gennaio 2008, l’articolo di Francesco Erbani, Le mani sull’Appia, definisce, a mio parere, l’essenza di una politica ecologista attiva, applicata alla difficile gestione della Regina viarum.

In trepidante attesa di approvazione è anche una legge regionale, adottata due anni e mezzo fa dalla Giunta e da allora ferma in Consiglio, che dovrebbe regalare al parco altri 1500 ettari. Il motivo dell’ampliamento, nelle intenzioni dei promotori (in primo luogo l’allora assessore regionale dei Verdi, Angelo Bonelli, ora deputato, è semplice:

un parco vive bene se diminuisce la pressione edilizia ai suoi bordi e se il verde penetra nel tessuto cementizio della città, costruendo corridoi ecologici essenziali a una rigenerazione di quartieri asfissianti.

E’ scolpita così la difesa del verde urbano per il futuro.

2008 – un inizio inquietante

4 gennaio 2008 Nessun commento

Dipenderai meno dal futuro se avrai in pugno il presente
Seneca

okoffoilprod

Foto da Freewine.

Segnalo 5 articoli interessanti.

1 – I consumi delle città

Rachel Oliver della CNN fa il punto sul crescente peso delle città nelle emissioni di gas ad effetto serra.

Per la prima volta nella storia la maggior parte degli esseri umani oggi vive nelle città e le città, secondo l’agenzia delle azioni Unite UN-Habitat, emettono circa l’80% delle emissioni di CO2. Attualmente vi sono nel mondo 408 città con oltre un milione di abitanti

Secondo uno studio del Tyndall Centre for Climate Change Research la città di Londra, con i suoi 7,4 milioni di abitanti, emette più dell’Irlanda e quanto la Grecia o il Portogallo. Nonostante alcune città, come New York, risultino relativamente più efficienti delle aree suburbane che le circondano, va ricordato che il problema non è quanto viene consumato all’interno delle città, ma come tutto quello che lì viene consumato ci arriva.

2 – Ladri di…marmitte

Tra gli effetti indiretti del petrolio a 100 $ al barile, vi è il rincaro dei beni rifugio, come i metalli preziosi. Tra questi si trova il platino che, come sappiamo, serve ad ossidare sia i gas di scarico delle auto nelle marmitte catalitiche che l’idrogeno nelle celle a combustibile. Il platino, che vale oggi oltre 1500 $ l’oncia, è divenuto preda ambita, alpunto che quello nelle marmitte viene anche rubato! Vedi I ladri del platino, il lato oscuro del riciclaggio, da Treehugger.

3 – Come i (migliori) SUV salvano il clima

Eric de Place su Grist ha pubblicato un interessante articolo, How SUVs can save the climate, in cui sottolinea l’urgenza di abbandonare i veicoli più energivori in favore di auto leggermente più efficienti. Infatti, anche passando “solo” dalle 16 miglia al gallone (MPG) di una Dodge Durango alle 23 di una Toyota Tacoma, su 15.000 miglia (24.000 km) si risparmiano 285 galloni di carburante. Al contrario, cambiare una Civic (32MPG) per una Prius ibrida (47MPG) fa risparmiare solo 150 galloni di benzina.
Galloni_Vs_MPG

Questi dati dimostrano come sia molto più significativo attaccare la parte bassa della curva dell’efficienza, rispetto agli incrementi marginali che si realizzano quando già si guida un auto da 30 MPG per passare ad un’auto ibrida.

Seguendo questo ragionamento, fare un upgrade del SUV, per passare da 15 a 25 MPG, è molto più vitale che non predicare la necessità dell’acquisto di veicoli ad alta efficienza. Questo poichè i galloni si traducono direttamente in kg di CO2. A questo punto ci sembra giusto aggiungere che guidare meno qualunque auto (o non possederla affatto, usando ad esempio il car sharing) per ridurre quei 24.000 km l’anno è altrettanto vitale.

4 – PLAN B 3.0  A PLAN OF HOPE; di Lester Brown dell’Earth Policy Institute;

5 – Vivere a zero emissioni (pdf 4 pagg), di Paolo Rumiz (La Repubblica); da QualeEnergia.

Auguri 2008 e…a pensarci bene, che razza di picco?

1 gennaio 2008 Nessun commento

La forza per cambiare quello che posso cambiare, la serenità di accettare quello che non posso cambiare, la saggezza di distinguere l’uno dall’altro.
Marco Aurelio

Ciao,

Sono contento di un anno vissuto intensamente, faticoso, teso, ricco di cambiamenti, anche solo accennati.

La mia vita è cambiata molto. Il mondo anche.

Auguro a tutti un felice 2008 con meno anidride carbonica, meno particolato, meno auto, meno aerei, meno velocità ecc. e più treni, tram, rotaie, navi, biciclette, passeggiate.

Allargamenti di marciapiedi.

Centri storici “salati” per le auto.

Metropolitane e ciclabili che vincono sulle logiche particolari.

E poi mica serve sempre muoversi!

Plitvice

———————————————————–

This year has been a very special one for us

and that’s due to our presence in our lives!

We embrace the end of this year with humility and gratitude

for it has proven that understanding,

friendship, care and

above all love conquer all!

—————

The bells will herald a new year so we get down to our knees to pray

that no matter how hard things can be

we will face it together with courage,

vaillance and wisdom!

We pray thar god give us more good things so that we can share and give!!

May god preserve what’s best in us and destroy what is bad so that we can be better still and make our children proud!

God bless you!

Happy new year 2008!

Categorie:base Tag: ,