Archivio

Archivio per dicembre 2007

La rinascita del tram in Giappone

28 dicembre 2007 Nessun commento

tram_lisboa

Foto da Fotocommunity.

Il faut qu’une porte soit ouverte ou fermée.
Proverbio francese

Il Portram di Toyoama

La prima linea di tram elettrici venne realizzata a Berlino nel 1881, l’inizio di una lunga storia. Il tram divenne un mezzo di trasporto comune in molte città, apprezzato per la semplicità di realizzazione ed il funzionamento sicuro. In Giappone le prime linee iniziarono nel 1895, per diffondersi rapidamente in tutte le principali città. Al momento della massima espansione la rete tranviaria contava 1,479 chilometri, gestiti da ben 82 compagnie in 65 città, che trasportavano circa 2,6 miliardi di passeggeri ogni anno.

L’avvento delle auto segnò l’inizi del declino per il tram a vantaggio di autobus e metropolitane, più economici e flessibili. I tram infatti vennero penalizzati dal traffico, risultando poco efficienti e con una bassa qualità di servizio; il risultato fu che i tram scomparvero da quasi tutte le città del mondo.

Prosegui la lettura…

Categorie:base Tag: , ,

Er non tranquillamente vostro

27 dicembre 2007 1 commento

Finiva troppo placido questo 2007: il Natale sobrio, ecologico, etico, familiare ecc. quasi un Natale di inizio decrescita…si iniziava a riflettere. Si, è vero, c’è stata l’esternazione di Dini, i tristissimi omicidi della disperazione e le cinghie ben strette per tanta gente. Ma tutto sommato si annunciava una fine 2007 tranquilla.

ERRATO!

Doveva arrivare l’orrenda notizia dell’uccisione di Benazir Bhutto a Rawalpindi. Questo mi porta al vivo ricordo dell’odio che provavo per il dittatore Zia ul Haq, dittatore del Pakistan e assassino del padre di Benazir, Zulfikar. Che tristezza.

E poi i dati settimanali sulle scorte USA…

Il balzo del petrolio a causa dei dati dell’Energy Information Administration (l’Istat dell’energia USA) sulle scorte strategiche americane: sono in ribasso di 3,3 milioni di barili a 293,6 milioni.

Vedi tabella alla voce “Crude Oil (Excluding SPR)

E’ il minimo dal gennaio 2005. Inoltre, secondo un sondaggio svolto da Bloomberg presso 12 analisti del settore (prendendo la mediana delle risposte) l’offerta calerebbe di 1,5 milioni di barili, ma “i prezzi sono schizzati prima del tempo in conseguenza dell’assassinio della Bhutto”.

Il greggio per febbraio è a $96.62 barile a New York ed il brent ha chiuso a $94.56. I prezzi sono saliti del 60 % dall’inizio dell’anno.

(poco fa) Via Bloomberg.

Categorie:base Tag:

Regalo poesie: i pensieri di Pierfranco

27 dicembre 2007 1 commento

Trovo veramente splendidi i due post – e foto – pubblicati recentemente da Pierfranco su Romapedala. Eccoli:

1 – Sono un ragazzo fortunato;

acquedotti

2 – E’ bello avere un corpo.

appiantica

Le notizie di oggi 20 dicembre 2007

20 dicembre 2007 1 commento

La collera è una valanga che si frantuma su ciò che investe.
Seneca

Stanford researcher claims lithium ion breakthrough, come i “nanofili” di silicio della Stanford University aumentano la potenza delle batteria al litio; e L’auto ecologica di Tata $2,500 e 25 km/litro, entrambi da AutoblogGreen

Un ponte di bamboo che regge i camion da 16 tonnellate, da NewScientist

L’illusione di Battaglia, la critica della critica all’energia solare, da AspoItalia

Traffic jam mystery solved by mathematicians, l’onda indietreggiante delle auto negli ingorghi (University of Exeter), da Physorg

Prosegui la lettura…

Categorie:base Tag:

2 Sonetti-Mozione di un Ciclista Romano

19 dicembre 2007 Nessun commento

marbleclouds

Foto da Fotocommunity.

MOZIONE 1:

Tram e Bici, Romani felici.

Prosegui la lettura…

Categorie:bici Tag:

Il nuovo Cd di Stefano Rosso

18 dicembre 2007 Nessun commento

Ottima notizia per i cultori della musica folk italiana in salsa romana: è uscito il nuovo disco di Stefano Rosso, conosciuto dai 50enni per “Una storia disonesta”, il pezzo cult degli anni ’70 che faceva:

Che bello due amici una chitarra e uno spinello,

E’ nelle orecchie di tutti.

Ora Stefano si autoproduce e – su richiesta – ti invia il CD da casa sua (stefano.rosso26@libero.it). Fate i bravi, i pezzi sono belli e lui è un poeta unico.

L’ultimo lavoro si chiama Mortacci

mortacci

e secondo lui e me il disco è buono.

Ciao

Categorie:base Tag: ,

Notizie 17 dicembre 2007

17 dicembre 2007 Nessun commento
Categorie:base Tag:

News 13 dicembre 07

13 dicembre 2007 Nessun commento

Maxi multa al mondo dell’auto “Violazione dei limiti di CO2” ed il forum;

La 500 elettrica su TG Leonardo;

Piemonte, con il detersivo alla spina risparmiate 13,4 tonnellate di CO2;

Al Macchia Rossa, regali di Natale riciclati (Roma, Magliana);

Negli uffici italiani si consumano ogni anno 1,2 milioni di tonnellate di carta.

Henry Groppe: IEA to blame for $100 oil spike, l’esperto dice:

” l’IEA la responsabile per i prezzi attuali del petrolio. L’agenzia ha sbagliato a prevedere (set. 06) 1.8 milioni di barili al giorno in più dai paesi non-Opec nel 2007; l’Opec ha tagliato la produzione e gli altri hanno prodotto solo 0.5 Mbg.

Risultato: petrolio a 90$/barile.

Prezzo previsto: 65-85 $/bl fino al 2015.
PS Groppe non crede che l’Arabia Saudita sia vicina al picco: “the kingdom can maintain 8-9.5 mb/d for as long as two decades, and that it will also build a cushion of spare capacity. However he also believes global oil production will peak in 2008 because of steep declines elsewhere“.

Categorie:petrolio Tag: , ,

Il Climate Change Performance Index 2008

11 dicembre 2007 Nessun commento

A volte mi chiedo: ma tutto questo arrovellarsi per cercare di cambiare le cose e le abitudini consolidate, come togliere un po di auto dalle strade, denunciare l’impossibilità di camminare, pedalare o spingere una carrozzina o una carrozzella in città, parlare dell’opzione del trasporto su ferro, dell’idrogeno, del picco del petrolio, serve a qualcosa?

Questo, scrivendo, pensando e sentendo (aria e rumore de) la città in cui abito, trova – infine – una conferma ufficiale: il Climate Change Performance Index 2008 di German Watch.
Risultato: l’Italia è il nono peggior paese tra i membri dell’OCSE ed il quarto tra i membri dell’Unione Europea (tabelle a pag. 17). Voila!

Categorie:politica, rumore Tag:

News 11 dicembre 2007

11 dicembre 2007 Nessun commento

Le auto piccole fanno male all’ambiente, lo studio…Land Rover, da Autobloggren

1 litro di etanolo = 1 anno di cibo, da Autobloggren e The Economist;

L’ambiente in Italia: regia assente, intervista a Gianni Silvestrini

EUROPA. In arrivo nuova direttiva per un’aria più pulita nelle città, da Helpconsumatori

Update on Megaproject Megaproject, la capacità produttiva dell’industria petrolifera al microscopio di Stuart Staniford, the Oil Drum (vedi anche Wikipedia).

Categorie:base Tag:

Tasse Auto, Austria ed Irlanda seguono la Francia

10 dicembre 2007 Nessun commento

Dopo l’iniziativa di Parigi, altri due paesi passano a tassare le auto in funzione dell’efficienza del veicolo. Si tratta di misure importanti poiché l’efficienza, calcolata in emissioni di CO2 al km è direttamente proporzionale alla cilindrata.

Questo porta ad includere nei motivi per l’acquisto dell’auto, ora fondamentalmente estetici (una foto statica in un paesaggio selvaggio) i soldi che poi usciranno “dinamicamente” dalle proprie tasche (vedi Lo sgabello a tre gambe).

Più in generale queste leggi portano alla fine del mito della potenza e del lusso come valori sociali a favore di un’altra razionalità. La transizione prende forma e…si incammina!
Vedi : Austria institutes CO2-based bonus-malus tax system for cars, Ireland to adopt CO2-based vehicle registration taxes, entrambi da AutoBlogGreen

Categorie:auto Tag: , , ,

Paris, ville propre

7 dicembre 2007 Nessun commento

La mente è una spugna; il cuore è acqua che corre. Non è strano che la maggior parte di noi preferisca assorbire anziché correre?
Kalil Gibran

A conferma che una certa dose di coraggio è necessaria nel campo dei trasporti (vedi qui, qui, qui e qui), l’annuncio della politica di incentivazione per le auto più efficienti del Il Ministero dell’Ecologia Francese.

Secondo il piano, un bonus sarà versato a chi acquista auto che emettono meno di 130 grammi di CO2/km, attualmente il 30% del mercato. Al bonus si aggiunge una somma extra quando l’acquisto si accompagna alla rottamazione di un’auto vecchia di 15 anni. Al contrario, acquistando un veicolo che emette più di 160 gr CO2/km si pagherà una penalità. Questo concerne il 25% delle auto nuove. Gli acquirenti di auto comprese tra 130-160g CO2 non avranno né bonus né penalità, questa “neutral zone” tocca circa il 45% dei veicoli acquistati.

I versamenti e le penalità sono basate su una scala decrescente di emissioni; i limiti per i pagamenti e le penalità aumenteranno di 5 gr CO2/km ogni due anni per stimolare la diffusione di auto sempre meno inquinanti.

Al fine di incoraggiare lo sviluppo di veicoli a bassissime emissioni, vedi elettrici, il governo ha un bonus speciale di €5,000 per l’acquisto di auto che emettono meno di 60 g CO2/km.

La tabella

BonusMalus

Fonte: GreenCarCongress.

Categorie:auto, base Tag: , ,

Notizie 7 Dicembre

7 dicembre 2007 Nessun commento

Non si può essere forno e mulino allo stesso tempo
Proverbio francese.

Fatih Birol Presents the IEA World Energy Outlook 2007, le opinioni del capo economista dell’IEA su futuro dell’energia; sintesi in italiano, da Petrolio blog.
Are high-speed trains that good? I consumi energetici dell’alta velocità

Several EU Member States to miss 2010 air pollutant targets

Remembering and learning from a legend, in memoria di Bakhtiari

UK Fuel Cell Hydrogen Bus to Cost $190,000

Investigating Failure Mechanisms Of Fuel Cells Will Improve Their Durability, come risparmiare platino

Categorie:base Tag:

L’Opec non aumenta la produzione

5 dicembre 2007 Nessun commento

Schottisches_Licht

Foto da Fotocommunity

Abu Dhabi, December 5, 2007 04:25 EST

Come volevasi confermare, i paesi rappresentanti il 40% del petrolio mondiale hanno deciso di mantenere la produzione a 27.25 milioni di barili al giorno. Una disubbedienza al giudizio del Ministro dell’Energia USA Bodman che ieri dichiarava che “i prezzi sono molto alti”: Quatar, Venezuela ed Arabia Saudita, infatti, ribadiscono che la produzione sufficiente..
Un metting straordinario previsto per gennaio a Vienna. La maggioranza riunita ha “resistito” alla proposta di Iran e Venezuela di vendere il petrolio in monete diverse dal dollaro.

Fonte: Bloomberg.

Aggiornamento

IEA: oil demand has surpassed supply, (Agenzia Internazionale dell’Energia: la domanda ha superato l’offerta) da TheOilDrum Europe. L’intervista di Aad van Bohemen, Direttore dell’Unit di Crisi dell’IEA sulla Rtl olandese.

Categorie:base Tag:

Lezioni Zen – Riciclo degli scarti dei cantieri e treni merci

4 dicembre 2007 Nessun commento

Riciclo degli scarti dei cantieri

Il gruppo Shimizu Corporation, una azienda di costruzioni Giapponese e la Nisshin Flour Milling Inc. hanno annunciato lo sviluppo congiunto di una tecnologia per il trattamento ed il riciclo degli scarti da cantiere, contenenti cemento, in luogo della messa in discarica.

Prosegui la lettura…

Categorie:rifiuti Tag: