Archivio

Archivio per novembre 2006

Lezioni Zen – Il riciclaggio degli scarti alimentari in Giappone (eng.)

30 novembre 2006 Nessun commento

recycle

Immagine : Lenntech

In un post precedente avevamo parlato della necessità di separare i rifiuti. Per la gestione dei rifiuti è assolutamente necessario separare l’umido e poi tra vetro/plastica/metalli ed il cartaceo. Ecco lo stato dell’arte sullo smaltimento dei rifiuti alimentari.

Food Waste Recycling in Japan by Yuriko Yoneda

Daily meals are source of our energy. Dining together is essential for us not only from a nutritional perspective but also as a good occasion to communicate with families and friends. At the same time, we should note that a certain amount of food waste is always created whenever we have a meal. This article outlines the current situation of food waste recycling in Japan.

Waste Disposal System and Food Waste in Japan
The source of food waste can be divided into three stages from food producers to consumers: a production stage (including the processes at food processing companies), a distribution stage (including supermarkets and retailers where food waste including unsold products is generated), and a consumption stage (including restaurants and households, etc.).

Prosegui la lettura…

Rating di sostenibilità nel rapporto del Roberts Environmental Center

30 novembre 2006 Nessun commento

Segnalo un bel rapporto prodotto dal Roberts Environmental Center del Claremont McKenna College con i rating di sostenibilità dell’industria automobilistica e della componentistica. Il rapporto è qui.

Sviluppi Bio Combustibili – Pirolisi rapida di Dynamotive

29 novembre 2006 Nessun commento

pirolisi

Immagine: Università di Milano

La ditta di Vancouver Dynamotive ha brevettato un reattore per la pirolisi chiamato Fast Pyrolisis, che in 2 secondi genera il BIoOil, un carburante liquido di colore marrone scuro dal basso Potere Calorico (19 MJ/kg rispetto ai 40 del diesel) e senza scarti di processo.

Il vero punto di forza del BioOil è la flessibilità, poiché può essere prodotto da oltre 100 tipi di “scarti”, sia vegetali che minerali, come il legno, la bagasse ed i liquami delle fogne.

Se il BioOli non va bene per le automobili, in molte applicazioni “lente” è ideale, come i motori diesel stazionari, le caldaie, le turbine a gas, i forni, le serre ecc.

Un esempio del funzionamento del processo si trova qui. Vedi anche il Guardian.

Categorie:base Tag: , ,

Sviluppi Eolici: Loopwind & Airdolphin

29 novembre 2006 1 commento

Loopwind
Nuova turbina “domestica” da 400W di picco. Silenziosa e funzionante anche con venti leggeri, sarà presentata alla Eco-Products Exhibition 2006. Per ulteriori dettagli vedi sito della Loopwing. La scheda è anche in pdf.

2

Per ora è in vendita il modello in scala a 30€ …

Segnaliamo anche l’Airdolphin della Zephyr un prodotto da 1kW (3 di picco), le caratteristiche sono queste. Col bottone “Airdolphin in action” si vede un filmato con vento a 15 m/sec.

Da Japan for Sustainability

Aggiornamenti

Roma, 23 giugno – Il ministro allo sviluppo economico pare proprio essere un accanito sostenitore delle rinnovabili. Dopo il fotovoltaico, Claudio Scajola avrebbe deciso di installare nella propria casa di Imperia anche una pala eolica di piccola taglia prodotta in Giappone. “L’occasione giusta per aggiungere l’energia eolica alla vocazione ambientalista – ha detto Scajola – è stata quella della riunione dei ministri dell’Energia del G8, che si è tenuto nel fine settimana ad Aomori, nel Giappone del Nord”.
Le aziende del Sol Levante hanno presentato in quella occasione una serie di prototipi e di ritrovati tecnologici per lo sviluppo di energie alternative, inclusa una pala eolica da montare a casa, che è stata messa a punto da un consorzio di aziende giapponesi e sarà pienamente commercializzata l’anno prossimo.
L’attenzione mostrata da Scajola verso gli stand e la sorpresa degli espositori alla richiesta di informazioni non sono passate inosservate. “Mi sono affidato al fotovoltaico tre anni fa e poi ai pannelli termico-solari – dice il ministro – : cercavo qualcosa di riconducibile all’eolico e di tipo monofamiliare che ho finalmente trovato”. L’investimento economico, di circa 6 mila euro, è ammortizzabile in 7-8 anni”, aggiunge Scajola che ha fatto tappa a Tokyo per partecipare al convegno dell’Ice sulle opportunità d’investimento e d’interscambio tra Giappone e Italia.

La Mobilità in un mondo piatto (Parte 3)

28 novembre 2006 Nessun commento

I profili CO2 dei costruttori nel rating di rischio extra-finanziario

Le emissioni di CO2 sono incluse come criterio specifico del settore nella valutazione di rischio extra-finanziario. Gli obiettivi e le strategie dei costruttori per il taglio delle emissioni dei loro veicoli sono esaminati in questa sezione. Inoltre, le emissioni medie dell’intera flotta, ponderati per il numero dei singoli modelli, sono presi in considerazione per il rating.

caremissprofile02

Fonte: WestLB

I 100 Eroi dell’Ecologia

28 novembre 2006 Nessun commento

GlencoeValley

Foto da Photocommunity

L’Agenzia per l’Ambiente del Governo Britannico ha pubblicato il rapporto 100 per Cent Green in cui presenta la classifica dei 100 ecologisti più influenti di tutti i tempi.

Al primo posto Rachel Carson, biologa e zoologa americana, che con il suo bestseller Primavera silenziosa, del 1962, lanciò il movimento ambientalista; al secondo l’economista E.F. Schumacher: il suo libro Small is beautiful, “Piccolo è bello“, del 1973 è considerato un testo fondamentale per la presa di coscienza ecologica. Terzo viene Jonathon Porritt, membro dei Verdi inglesi e Direttore di Friends of the Earth; poi viene il grande Sir David Attenborough, da tutti conosciuto per i suoi bellissimi documentari prodotti dalla BBC.

Seguono James Lovelock (5), Wangari Maathai (6), il principe Charles (7). L’ex-vice Presidente Al Gore è nono – anche per An inconvenient truth, segue Gro Harlem Brundtland (10) già Primo Ministro Norvegese e Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

SanFrancesco

Foto: Wikipedia

L’unico italiano è San Francesco d’Assisi (47), la motivazione: “Santo Patrono degli Animali e dell’Ecologia, ci ricorda di perseguire la pace e la giustizia nel mondo per porre fine a guerre, violenza, povertà ed oppressione sul nostro fragile pianeta”.

Fonte: UK Environment Agency

Categorie:storia Tag:

La Mobilità in un mondo piatto (Parte 2)

28 novembre 2006 Nessun commento

I profili CO2 dei costruttori d’auto

I profili CO2 dei singoli costruttori sono fondamentali per realizzare gli scenari rispetto sia alla proporzione di veicoli diesel che al volume delle vendite. Mettendo l’accento sulle emissioni, diviene possibile produrre giudizi significativi sul volume emesso dai singoli motori e riguardo alle difficoltà in termini costi per la riduzione delle emissioni di CO2. Un esempio: gli aspetti distributivi indicano che una riduzione del 20 % delle emissioni per tutti i produttori è più semplice per BMW che per DaimlerChrysler (DCX) e più semplice per Renault che per Fiat, anche se le emissioni assolute permetterebbero solo delle conclusioni contraddittorie.

Nel caso di BMW, i motori della serie 1 e 3 hanno livelli di emissioni di 140-180 g CO2/km. Attualmente, BMW non offre nessun modello le cui emissioni sono inferiori ai 140 g CO2/km. Le Smart della DCX hanno, invece, livelli inferiori a 140 g CO2/km: il 20% del volume delle vendite di DCX in Europa occidentale. Tuttavia, il segmento medio-alto dei modelli (le classi E-, S-, M- e R-) hanno un impatto negativo importante.

Prosegui la lettura…

Categorie:auto Tag:

Uno Scenario: il 25 % Rinnovabile nel 2025

27 novembre 2006 Nessun commento

heimweh

Foto da Fotocommunity

La Rand Corporation ha pubblicato uno studio di fattibilità intitolato: L’Impatto dell’aumento dell’Uso di Energia Rinnovabile sulla Bolletta Energetica Americana. E’ una simulazione di come sia possibile – e quanto costerebbe – produrre il 25% dell’energia elettrica e dei combustibili da trasporto da fonti rinnovabili nel 2025.

Il risultato principale è che sarebbero necessari 100 milioni di acri di terra (+o- la superficie della California!) per la coltivazione di biocombustibili. L’Università del Tennessee ha inoltre condotto una simulazione dei cambiamenti della politica agricola e dell’economia indotti da tale transizione. I loro risultati mostrano un aumento significativo dei prezzi di mais, grano, soia e carne, ma anche la creazione di una nuova industria da 700 miliardi di $ e 5 milioni di posti di lavoro. Il dibattito si è acceso, ad esempio qui.

Links: 25×25, rapporto U. del Tennessee
Vedi anche : La Via Cinese al Metanolo. Ovviamente…da Treehugger.

Cattiva informazione – Bici, Donne e Desiderio

27 novembre 2006 Nessun commento

Amsterdam_cycle_chic

Sul numero di venerdì, il popolare giornale gratuito Metro, riporta un articolo in prima pagina, di poche righe e senza approfondimento all’interno: “Donne la bici uccide l’Eros“, cito:

Cattive notizie per le appassionate delle due ruote. Le donne che si concedono prolungate e frequenti corse o gare in bici, infatti spesso sono afflitte da una ridotta sensibilità genitale. E sono più a rischio di dolori e fastidi intimi rispetto a quelle che preferiscono la corsa. Il dato emerge da uno studio condotto dai ricercatori della Yale School of Medicine e dell’Albert Einstein College of Medicine, pubblicato sul Journal of Sexual Medicine. AdnKronos

Andiamo dunque alla fonte e troviamo il Journal: è a pagamento, ma c’è l’abstract. In sintesi:

Lo scopo dello studio: valutare gli effetti della bicicletta sulla sensibilità genitale e la funzione sessuale nelle donne. Sono state analizzate 48 donne che praticano la bici e 22 donne che fanno jogging, fertili ed in buona salute. Le donne che praticano la corsa servono per il controllo (raffronto tra attività fisiche diverse).

Prosegui la lettura…

Categorie:bici Tag: , , ,

Libri : Elogio della Bicicletta di Ivan Illich

27 novembre 2006 Nessun commento

velo

Foto: Mesicek

Pedalate d’autore

di Giuseppe Scaraffia, Il Sole24Ore Domenicale, 26 Novembre 2006

“Elogio della Bicicletta” di Ivan Ilich: un mezzo apprezzato o avversato da molti geni. Apollinaire la celebrava, per Nabokov era come un “cerbiatto”, Cioran la cavalcò per girare la Francia

Monsieur, non ho provato la bicicletta, ma ne riconosco tutta la meraviglia pratica. Avrà un’importante influsso sulla specie. Le rimprovero, come spettatore, l’andatura inetta e sgraziata che infligge alle gambe: l’essere umano non si avvicina impudentemente a un meccanismo“. Rispondeva ad un lettore di fine secolo il poeta Mallarmé, uno dei tanti intellettuali affascinati dalle due ruote celebrate da questo brillante saggio di Ivan Ilich come unico rimedio alla crisi energetica.

Prosegui la lettura…

Categorie:bici Tag: , , ,

L’Unione Internazionale dei Sindacati (ICFTU) lancia l’Unità per lo Sviluppo Sostenibile

24 novembre 2006 Nessun commento

childlabour

Immagine: Unicef

L’ICFTU si impegna nello sviluppo sostenibile creando l’unità ad esso dedicata, la Sustainable Development Unit. Tra le iniziative segnalo la pubblicazione dei profili dei paesi secondo i tradizionali indicatori di sostenibilità, risorse idriche, impronta ecologica, emissioni CO2 ecc.

Si tratta di uno strumento rivolto ai sindacati nazionali dei singoli paesi per la promozione dei fattori sociali e lavorativi nell’ambito delle politiche sui cambiamenti climatici e dell’energia. I profili paese per paese, presentati al meeting di Nairobi, sono qui.

Categorie:base Tag:

Mobility in a flat world – La mobilità in un mondo piatto

23 novembre 2006 Nessun commento

redcar

Lo studio della banca WestLB “Mobility in a flat world” è un testo obiettivo ed analitico sulle industrie automobilistica, aerea e navale. La politica dei diversi gruppi attivi in questi capi della mobilità viene analizzata sotto il profilo della sostenibilità non per “salvare il mondo” ma perché le leggi ed i consumatori giudicheranno tra 5 – 10 anni le scelte fatte ora. La Fiat si piazza benissimo, cosi come PSA, mentre Porsche è la peggiore.

Eccone alcuni stralci

L’equità sociale della mobilità

La mobilità è considerata fondamentale per aprire nuove opportunità in campo sociale ed economico. Nei paesi sviluppati la mobilità di merci e persone ha raggiunto livelli inimmaginabili per gran parte della popolazione. Ciononostante, permangono grandi differenze nei livelli di mobilità, anche in ambito EU, secondo l’età, il reddito ed i luoghi. Al contrario, nei paesi in via di sviluppo e nei paesi di recente industrializzazione c’è uno stallo e la grande maggioranza della popolazione non ha quasi accesso ai mezzi di trasporto moderni e tale accesso è anche sempre meno democratico.

Prosegui la lettura…

Categorie:base Tag:

Velo’V o il Successo del Bike Sharing a Lyon

22 novembre 2006 Nessun commento

Velov

Velo’V, chiasmo composto con le parole “vélò“, bicicletta in francese e “love” è essenzialmente un Trasporto Pubblico Individuale e ora marchio proprietario del comune di Lyon. E’ un progetto di bici pubbliche disseminate in tutta la città e gestite in sinergia da Decaux per le istallazioni pubblicitarie ed il comune. Il progetto ha avuto un successo oltre ogni previsione.

Prosegui la lettura…

Optiresource – Il Software per gli Scenari dell’Automobile di DaimlerChrysler

21 novembre 2006 Nessun commento

Optoresource

Al Battery, Hybrid and Fuel Cell Electric Vehicle Symposium & Exposition di Yokoama in Giappone tenutosi dal 23 al 28 ottobre scorso, la DaimlerChrysler ha presentato Optiresource, un applicativo che permette la realizzazione di scenari “well-to-wheel” di tutti i principali sistemi di trazione per l’automobile del futuro.

Uno dei problemi nelle comparazioni tra filiere tecnologiche infatti rappresentato dalla generale disomogeneit dei dati: i dati possono essere obsoleti, disomogenei o parziali.
Optiresource un software per l’analisi e la visualizzazione delle filiere energetiche e dei relativi scenari in termini di consumo di energia, emissioni di gas ad effetto serra, ecc. Il software fornisce risposte rapide e chiare a domande, quali:

– Cosa si ottiene confrontando le differenti filiere energetiche in termini di consumi ed emissioni di gas ad effetto serra ?
– Cosa consentono le filiere energetiche in termini di ottimizzazione dei consumi e delle emissioni ?
– Qual’ l’impatto dei diversi scenari energetici ?
– In che misura le scelte in materia di energia ottimizzano effettivamente i consumi e le emissioni ?
Optiresource uno strumento indispensabile per ogni esperto di energia ed ambiente (industrie, governi, agenzie…), sviluppato da DaimlerChrysler e da Protoscar. DaimlerChrysler intende commercializzare e distribuire il software a gennaio 2007 ed ha deciso di creare una fondazione per tale obiettivo.

La presentazione in pdf ed il paper. Riferimento Commissione Europea.

Categorie:base Tag:

Scooter a Idrometano

21 novembre 2006 Nessun commento

Hythane_scooter

Da Repubblica.

Inquinare sempre meno. E’ questo l’obiettivo di uno scooter alimentato a idrometano presentato a “Ecomondo“, Fiera internazionale del recupero di materie ed energia e dello sviluppo sostenibile, che si appena conclusa a Rimini Fiera. L’esposizione riminese ha ospitato cos ospitato il primo esperimento mai realizzato riguardante l’alimentazione a idrometano di uno scooter.
Prosegui la lettura…

Categorie:idrogeno Tag: